giovedì, 14 Novembre 2019 Meteo In Italy - il Buongiorno si vede dal Meteo!
il clima al cinema

Il clima “al cinema”…

Il mondo del cinema ha spesso trattato i temi legati all’ambiente, con accenti principalmente allarmistici e catastrofistici, anche se negli ultimi anni i toni si sono fatti man mano più seri e pensati per far riflettere gli spettatori sui cambiamenti climatici.

Ecco un excursus di alcuni film che hanno sviscerato, a modo loro, questa tematica:

  • …e la Terra prese fuoco (1961). Film di fantascienza britannico diretto da Val Guest: un pianeta sta diventando inospitale a causa dei cambiamenti climatici dovuti proprio dall’azione dell’uomo. Siamo in piena Guerra Fredda con molti richiami al nucleare e al dualismo Stati Uniti Russia.
  • Quintet (1979). Film di fantascienza con un cast d’eccezione che racconta di una Terra invasa dai ghiacci.
  • Waterworld (1995). Prodotto e interpretato da Kevin Costner, sotto la regia di Kevin Reynolds, è stato un vero flop cinematografico. È ambientato in un mondo dove le calotte polari si sono sciolte e hanno allagato tutte le terre emerse, costrigendo i sopravvissuti a navigare perennemente alla ricerca della mitica Dryland.
  • L’alba del giorno dopo (2004). E’ il primo vero film dai forti effetti speciali legato ai cambiamenti climatici. Nonostante gli avvertimenti degli scienziati che vedono la Corrente del Golfo rallentare, il mondo cade vittima di enormi tornado e in una repentina e distruttiva era glaciale. Emblematica la locandina del film. Qui la civiltà dovrà ricominciare da capo.
  • Chasing Ice (2012). Documentario realizzato dal fotografo del National Geographic James Balog, racconta tramite immagini fantastiche l’innarestabile declino della calotta antartica.
  • Snowpiercer (2013). Film di fantascienza che parla di cambiamenti climatici e di disparità sociali. L’umanità vive in un perenne viaggio all’interno di un treno che corre tra binari e paesaggi ricoperti dai ghiacci e che hanno cancellato la civiltà come la si conosceva. Qui i più poveri mantengono i ricchi e restano stipati in una perenne “terza classe”.
  • Ice and the Sky (2015) Questo documentario racconta la storia di Claude Lorius, l’uomo che nel 1957 partì per studiare il ghiaccio antartico. Nel 1965 è stato il primo scienziato a interessarsi del riscaldamento globale e delle sue conseguenze per il pianeta. Un film che vorrebbe “contribuire alla grande sfida che l’umanità deve affrontare il prima possibile per assicurarsi un futuro e assicurarlo al pianeta”.
  • To be continued…

Left Menu Icon