venerdì, 19 Luglio 2019 Meteo In Italy - il Buongiorno si vede dal Meteo!
Il meteo

Il meteo: temporali nelle zone interne

Il vortice di bassa pressione inizia a indebolirsi e domani si allontanerà definitivamente dall’Italia. Il meteo migliora da mercoledì

Il vortice responsabile dei forti temporali che hanno colpito negli ultimi giorni il Centro-Nord tenderà ad indebolirsi ed entro martedì si allontanerà dal nostro Paese, dando luogo a condizioni meteorologiche più stabili e e gradevole di ripresentarsi.  Nelle prossime ore, tuttavia, il rischio di temporali resterà ancora elevato soprattutto su Alpi, Nord-Est e regioni centrali soprattutto nelle ore pomeridiane.

Il meteo dei prossimi giorni:

Previsioni meteo per lunedì. Nella giornata di oggi insiste ancora un po’ di instabilità al Centro-Nord dove saranno possibili locali piogge e temporali inizialmente su coste liguri, tirreniche e dell’alto Adriatico,. A seguire precipitazioni soprattutto su Alpi e Appennino settentrionale, pianure del Nord-Est, zone interne del Centro, con sconfinamenti verso le coste adriatiche e del ponente ligure. Prevalentemente soleggiato nel resto del Paese; ampie schiarite anche al Nord-Ovest in pianura e in giornata anche sulle coste tirreniche. Leggero rialzo termico al Nord.

Allerta della protezione civile per il meteo:

Per la giornata di oggi la Protezione Civile ha emesso l’allerta gialla di ordinaria criticità sulle seguenti regioni italiane:

 ordinaria criticità per rischio idraulico su Calabria (Versante Jonico Settentrionale, Versante Jonico Centro-settentrionale, Versante Jionico Centro-meridionale, Versante Jonico Meridionale, Versante Tirrenico Meridionale) e Veneto (Basso Brenta-Bacchiglione e Fratta Gorzone, Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone)
– ordinaria criticità per rischio temporali su Calabria (Versante Jonico Settentrionale, Versante Jonico Centro-settentrionale, Versante Jionico Centro-meridionale, Versante Jonico Meridionale, Versante Tirrenico Meridionale),  Molise (Frentani – Sannio – Matese, Alto Volturno – Medio Sangro, Litoranea), Puglia (Tavoliere – bassi bacini del Candelaro, Cervaro e Carapelle, Gargano e Tremiti, Basso Fortore, Sub-Appennino Dauno), Toscana (Arno-Costa, Fiora e Albegna-Costa e Giglio, Isole, Serchio-Costa, Ombrone Gr-Costa, Etruria-Costa Nord, Etruria-Costa Sud, Serchio-Lucca, Versilia), Veneto (Basso Brenta-Bacchiglione e Fratta Gorzone, Adige-Garda e monti Lessini, Piave pedemontano, Livenza, Lemene e Tagliamento, Basso Piave, Sile e Bacino scolante in laguna, Po, Fissero-Tartaro-Canalbianco e Basso Adige, Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone)
– ordinaria criticità per rischio idrogeologico su Abruzzo (Bacini Tordino Vomano, Marsica, Bacino Basso del Sangro, Bacino dell’Aterno, Bacino del Pescara, Bacino Alto del Sangro), Calabria (Versante Jonico Settentrionale, Versante Jonico Centro-settentrionale, Versante Jionico Centro-meridionale, Versante Jonico Meridionale, Versante Tirrenico Meridionale), Toscana (Arno-Costa, Fiora e Albegna-Costa e Giglio, Isole, Serchio-Costa, Ombrone Gr-Costa, Etruria-Costa Nord, Etruria-Costa Sud, Serchio-Lucca, Versilia), Umbria (Medio Tevere, Chiani – Paglia, Alto Tevere, Nera – Corno, Trasimeno – Nestore, Chiascio – Topino), Veneto (Alto Piave).
Sul Veneto l’ordinaria criticità (allerta gialla) per rischio idrogeologico nella zona Vene-A è limitata al comune di Perarolo di Cadore (BL), dove permane la situazione di criticità legata alla frana della Busa del Cristo.

Left Menu Icon