mercoledì, 18 Settembre 2019 Meteo In Italy - il Buongiorno si vede dal Meteo!
METEO-PREVISIONI

Meteo, continua il trend di caldo

Anomalie termiche positive su tutto il mediterraneo con caldo in ascesa. Mete a breve termine con poche variazioni ma spiragli di freddo a fine mese

Non c’è traccia di meteo d’autunno in Italia, ma si può dire anche in un bel pezzo dell’Europa. Le temperature continuano a mantenersi davvero eccessivamente miti e siamo ormai a metà mese con la prospettiva che questo scenario possa proseguire ancora per giorni. A risentire di più del caldo, rispetto ai valori climatologici del periodo, sono le regioni settentrionali, parte dei versanti tirrenici e le due Isole Maggiori, nonostante le ripetute fasi di maltempo. Lungo le regioni adriatiche il caldo anomalo è invece meno accentuato, sebbene con temperature sopra la norma.

MeteoMETEO, CHE CALDO CHE FA! Le temperature sono più elevate del normale anche in particolare nei valori minimi, ma d’altronde l’Italia continua a risentire di flussi in prevalenza sciroccali, richiamati da depressioni che si bloccano ad ovest a causa del vasto anticiclone sull’Europa Centro-Orientale. Nella seconda parte della settimana, potrebbe addirittura rafforzarsi l’anticiclone africano sul Mediterraneo Centrale. L’instabilità, dapprima relegata sulle Isole, tenderebbe a lasciare spazio da venerdì ad una fase di bel tempo ovunque con temperature ancora molto miti e addirittura con locali aumenti.

Ci attendiamo valori che potranno toccare anche i 27 gradi sulle aree interne delle regioni centrali tirreniche. Il caldo anomalo potrebbe insistere per tutto il weekend, anche se con aria più fresca che potrebbe farsi strada verso le regioni adriatiche.

METEO MEDIO-LUNGO TERMINE: La seconda parte di ottobre si prospetta molto variabile e mite, a tratti favorevole a precipitazioni, con qualche occasione in più questa volta anche per le regioni settentrionali. Le attuali proiezioni a nostra disposizione, infatti, suggeriscono la tendenza ad un tempo più instabile già a partire dal giorno 17, con un progressivo aumento del rischio di precipitazioni e con una fase diffusamente piovosa per gran parte dell’Italia attesa tra fine seconda e inizio terza decade (indicativamente tra il 19 e il 22 ottobre). Seppure in un quadro di grande incertezza previsionale, si può al momento ipotizzare una prosecuzione di questa parentesi piovosa anche nei giorni successivi e quindi fino al termine del periodo in questione.
Dal punto di vista termico, ci attende un persistenza dell’attuale anomalia positiva, con temperature spesso al di sopra della norma, in modo particolare sulle regioni settentrionali dove lo scarto positivo rispetto alla norma dovrebbe mantenersi mediamente intorno ai 2-3 gradi

Left Menu Icon